Ercolano

L'Area archeologica di Ercolano
L'antica Ercolano il 24 agosto del 79 d.C., a causa dell'eruzione del Vesuvio, scomparve sotto il fango vulcanico. La scoperta della città sepolta avvenne nel XVIII secolo.

Di Ercolano, che la leggenda vuole fondata da Ercole, sappiamo poco a causa della profondità a cui è stata sepolta anche se i suoi edifici sono meglio conservati di Pompei. I Bagni, il Collegio dei Sacerdoti di Augusto, un teatro, sono quasi intatti. Come pure la Casa del Bicentenario e la Casa dei Cervi, che hanno ampi cortili e una ricca decorazione.
Ercolano era una ricca città commerciale e nei suoi magazzini hanno resistito alla distruzione anche gli orci e le giare con cui veninvano trasportate le derrate alimentari.
è possibile ammirare ancora oggi sculture, mosaici e pitture murali di rara bellezza.
 
Ercolano, con tutta l'area archeologica di Pompei e Torre Annunziata, dal 1997 è considerata Patrimonio dell'Umanità.

L'area archeologica è visitabile tutti i giorni, dalle 8.30 ad un ora prima del tramonto

JoomSpirit